Home / Luci & Spettacolo / Un palco di luci, suoni e colori.
Fari in un concerto live - Un palco di luci, suoni e colori.
Fari in un concerto live

Un palco di luci, suoni e colori.

 
Le luci assumono grande importanza in ambito musicale: in teatro, durante un concerto, in una discoteca e perfino in un piccolo pub contribuiscono a rendere magica una serata.

Fari in un concerto live
Fari in un concerto live
 
Inizia con questo articolo una serie di appuntamenti e considerazioni relative al complesso ma affascinante mondo delle luci. Vedremo insieme come allestire, programmare e scegliere la tipologia giusta di dispositivi per il vostro evento, il vostro locale, il vostro concerto.

Siete pronti? Iniziamo con le informazioni di base.

Lo strumento principale usato dal light jay è certamente la centralina (mixer luci) (Fig.1): periferica simile ad un mixer audio e dotata di cursori e pulsanti attraverso i quali faretti, proiettori, teste mobili ed altri organi d’illuminazione comunicano digitalmente.

Fig.1 - Centralina DMX
Fig.1 – Centralina DMX
 
Il protocollo di comunicazione delle centraline e dei sistemi di luce passa attraverso un cavo molto simile a quello microfonico (dotato all’estremità di connettori xlr maschio e femmina) e denominato Digital Multiplex, ovvero DMX (Fig.2).
 
Fig.2 - Cavo DMX
Fig.2 – Cavo DMX
 
Il DMX è uno standard di comunicazione digitale, prevede connettori a 3 poli (per situazioni più economiche) o a 5 poli. Il collegamento tra dispositivi avviene “a cascata”: ogni dispositivo luminoso è dotato di un ingresso e un’uscita DMX;

Ecco dunque come fare: dall’uscita della centralina (dmx out) collegatevi all’ingresso DMX IN del primo dispositivo, quindi dall’uscita del primo faro entrate nel secondo e così via.

Ogni cavo DMX può controllare fino a 512 dispositivi (DMX512)! Il limite reale di collegamento tra dispositivi sarà tuttavia dato dalla tipologia della vostra centralina (leggete attentamente le indicazioni riportate nel manuale per conoscere il numero massimo di fari da lei gestiti).
La diffusione del protocollo DMX512 è dovuta in gran parte alla sua robustezza e sicuramente, come avete visto, alla sua semplicità di collegamento: i cavi possono essere “gentilmente maltrattati” senza generare problemi di comunicazione evidenti (tuttavia vi ricordo che una gestione corretta dei cavi vi permetterà certamente un mantenimento più duraturo ed efficace del vostro impianto).

Tra le connessioni che talvolta potrete trovare in un mixer luci esiste anche la connessione RJ-45 (o cavo ethernet) (Fig.3): la comunicazione attraverso questa interfaccia richiede una conoscenza di base abbastanza solida. Pertanto vedremo come sfruttare al meglio tale connessione nelle prossime puntate.

Fig.3 - Cavo rj45
Fig.3 – Cavo rj45
 
Terminati i collegamenti dedichiamoci ora al vero setup tra centralina e fari: ogni dispositivo dovrà “parlare” digitalmente con la centralina attraverso un indirizzo univoco: indirizzare correttamente i fari risulterà fondamentale affinchè ogni elemento possa lavorare in modo indipendente.

In centraline standard la distribuzione degli indirizzi avviene come nel protocollo midi. Ogni 16 canali sarà possibile assegnare un nuovo faro lasciando quindi per ogni fonte luminosa 16 indirizzi liberi, utili per impostarne giochi, azioni o funzioni quali intensità, colore, strobo ecc.. (Successivamente queste funzioni saranno facilmente richiamabili attraverso un semplice movimento dei fader della vostra centralina).

Quindi, ad esempio

al faro n. 1 assegnate il canale 1
al faro n. 2 assegnate il canale 17
al faro n. 3 assegnate il canale 33
e così via…

Vi ricordo che l’indirizzo dovrà essere impostato in ogni singolo dispositivo luminoso (l’assegnazione avverrà attraverso selettori o display a secondo della tipologia del faro stesso).

Il mondo delle luci è a dir poco immenso. Decine e decine di tipologie di centraline luci si connettono ad altrettanti dispositivi luminosi. Numerose ditte producono elementi più o meno costosi e più o meno complessi. Nei prossimi articoli inizieremo ad allestire il nostro primo palco partendo da un piccolo ma professionale impianto luci (a basso costo).

Consiglio

Per collegamenti a cascata di decine di fari è consigliabile inserire un “terminatore” nell’uscita dell’ultimo faro; una resistenza che avrà la funzione di assorbire le riflessioni distruttive del segnale. (Affronteremo nel dettaglio questo delicato argomento nei prossimi articoli).

Restiamo connessi…digitalmente

Mattia Berna

 

About Mattia Berna

Mattia Berna Nasce a Treviglio( BG) il 23/07/1988. Da oltre dieci anni lavora come deejay, fonico e tecnico luci in importanti locali e discoteche della Lombardia e del Piemonte. Ha studiato pianoforte presso l’accademia musicale, esperto di musica Afro, collabora con numerosi musicisti in qualità di produttore e arrangiatore. Tiene corsi e workshop di tecnico audio, deejay (live e studio) e programmazione luci in scuole e accademie di musica delle provincie di Bergamo e Milano . Progetta allestimenti luci per spettacoli e concerti live.
  • Kiu S.

    Sono un grande appassionato di luci.
    Sono veramente felice di trovare una recensione che trattai questo argomento in maniera abbastanza elementare anche per un non esperto come me.