Home / Software / Organic Transitions – Loops de la creme. La sottile arte della Transizione
Organic Transitions - Loops de la creme

Organic Transitions – Loops de la creme. La sottile arte della Transizione

C’è un aspetto della produzione musicale applicata all’immagine che viene spesso trascurato, ma che rappresenta un elemento essenziale di questo settore. Nel cinema, nelle Fiction, nei Videogiochi, la componente sonora è fondamentale per sottolineare gli eventi rappresentati e per immergere lo spettatore nella cosiddetta “sospensione di incredulità”, tanto cara ai teorici della decima Musa.

In particolar modo, un punto critico è rivestito dalle transizioni tra una scena e l’altra: il passaggio deve essere commentato anche musicalmente in modo efficace e soprattutto immediato, nel senso che lo spettatore non deve intendere una soluzione di continuità nello sviluppo della transizione. Questa originale libreria di Loops De La Crème fornisce al compositore gli strumenti per operare questi delicati interventi, scopriamo in questo test se in modo convincente o meno.

TITOLO E SVILUPPATORE

Organic Transitions è un titolo sviluppato dalla casa di produzione francese Loops De La Crème, fondata nel 2011 dall’eclettico compositore e sound designer Julien Tauban. I pilastri su cui si fonda la politica editoriale della compagnia sono prezzi contenuti, piccoli sample packs e una forte enfasi sull’originalità e la qualità del suono dei prodotti proposti.

Organic Transitions consta dei seguenti contenuti, per un totale di 2,76 GB:
1091 samples in formato WAV, con profondità di campionamento 24 bit/48 KHz
58 Kontakt Instruments (configurazione minima necessaria: Full Kontakt 5.3)
20 IR (Impulse Responses Reverbs)
– Licenza di agreement e manuale d’uso
– Prezzo di listino: 59 euro + Vat

GENERE DELLA LIBRERIA

Organic Transitions può certamente essere catalogata nel novero delle Samples Libraries di carattere sperimentale. E’ in grado di performare in tempo reale transizioni percussive, sweeps e crescendo; il suo scopo principale è quello di aggiungere suspance e sorpresa alle colonne sonore e alle colonne audio nelle parti cruciali dello sviluppo dell’arrangiamento. Come accennavo nell’introduzione, la transizione tra una scena e l’altra richiede un trattamento audio molto accorto: in questa fase della post-produzione, occorre infatti lavorare di cesello per accompagnare dolcemente l’ascoltatore in una nuova scena o in una nuova sezione della composizione. Questa libreria fornisce gli strumenti adeguati per eseguire queste operazioni, sia per definire il momento sonoro specifico in sincronizzazione con l’immagine, sia per creare e scolpire elaborati soundscapes che precedano o seguano la transizione vera e propria, preparando emotivamente lo spettatore a un nuovo contesto scenico o a una modulazione armonica.

Loops de la creme
Loops de la creme

PANORAMICA DEI CONTENUTI

Per realizzare questa libreria, il team di Loops De La Crème ha adoperato una vasta gamma di strumenti.

Tra i tanti, compaiono shakers, rattles, tamburelli, piatti e una discreta quantità di rare percussioni esotiche.
Un aspetto da sottolineare è rappresentato dalle tecniche di ripresa utilizzate per registrare la libreria: ogni sample è stato registrato con 4 diversi posizionamenti microfonici:

BLUMLEIN STEREO: 2 microfoni a nastro sE Voodoo VR 1 in posizione XY (Ricostruzione di una realistica immagine stereo con un centrale molto solido)
BINAURAL STEREO: 2 microfoni omnidirezionali Audio Technica AT4022 disposti in configurazione custom (Immagine Stereo molto ampia, definita nei dettagli e con un’esaltazione sulle alte frequenze)
MONO: 1 microfono a condensatore Lauten Audio Clarion (buon dettaglio e suono focalizzato)
VINTAGE: 1 microfono omnidirezionale Shure Bullet (transienti regolari, limitata risposta in frequenza e suono ricco di carattere)

Questa interessante feature del titolo consente di ottenere suoni molto flessibili e dalla cangiante varietà timbrica. E’ possibile identificare i microfoni e le configurazioni di ripresa adoperati per ciascun sample individuando il suffisso posto alla fine del nome del sample.
Il cuore della libreria è composto dai 58 Kontakt Instruments e dalle 20 Risposte all’Impulso disponibili (IR). Vi sono inoltre 5 Kontakt Multi extra, di genere molto sperimentale e senz’altro utili per scolpire paesaggi sonori molto ricchi di evoluzione.
La qualità di registrazione dei samples è decisamente buona (da notare i 48 KHz di frequenza di campionamento) e infatti rispondono bene anche se sottoposti ad ulteriori processamenti audio.
Perciò le premesse per un buon lavoro paiono esserci. Vediamo quindi il test vero e proprio per assicurarcene.

ANALISI TECNICO/ESTETICA DEI CONTENUTI

Passiamo qui in rassegna gli instruments giudicati più interessanti e degni d’attenzione; devo dire che su un totale di 58 strumenti non è stato facile riuscire a selezionare quelli maggiormente degni di nota: la qualità sonora dei campioni è omogeneamente piuttosto pulita e dettagliata, e inoltre la caratteristica sopra esposta riguardo alle ampie possibilità di scelta dei posizionamenti microfonici rende questo titolo musicalmente molto eclettico e longevo.
Anche il comparto effetti e regolazioni della UI è completo e risponde prontamente alle sollecitazioni. Troviamo filtro passa alto, passa basso, 20 riverberi a convoluzione con controllo di amount, regolazioni di attacco e release e limiter, oltre a selettori di Focus, Tone ed FX.
Gli strumenti sono suddivisi e distribuiti in tre cartelle: Dynamic Instruments, Multis e Transitions Sets.

DYNAMIC INSTRUMENTS

– Dynamic Animal Bells. Con questo strumento sarete trasportati direttamente su un pascolo d’alta montagna… Diversi campanacci dal timbro molto vario e con i quali è possibile comporre suggestive melodie risonanti.

– Dynamic Bonus Rain and Thunder. Strumento in grado di sviluppare una tessitura ambientale molto evocativa.
– Dynamic Clay Water Bird. Che dire, chiudete gli occhi e vi ritroverete immersi in un bosco dove cinguettii e fischi di vari volatili regnano sovrani.
– Dynamic Indian Jingles. Percussioni a scuotimento dal sapore molto esotico.
– Dynamic Meditation Balls. Soundscapes sottilmente atmosferici e misteriosi.
– Dynamic Spring Drum. Un drone sperimentale capace di impegnare le frequenze più basse riprodotte dai Sub.
– Dynamic Thunderskin. Un tuono attenuato con sfregamento di pelli di tamburi a cornice. Bisogna suonarlo per poterne cogliere le potenzialità espressive.
– Dynamic Water Bubbles. Se vi serve sonorizzare lo sgocciolio dell’acqua nella profondità di grotte inaccessibili, questo è perfetto.

Quindi, in linea di massima, i Dynamic Instruments esulano almeno in parte dall’obbiettivo stilistico principale della libreria, però potranno tornare molto utili e spendibili in ambito di Sound Design, soprattutto ambientale.

Loops de la crème  Pic
Loops de la crème -Dynamic Instruments.

MULTIS

In questa categoria, ciascuno strumento è ottenuto mixando in varie combinazioni i singoli Dynamic Instruments. La sezione è a sua volta suddivisa in 4 gruppi: Dynamic, Riser, Sets e Soundscape.
Nei gruppi Dynamic e Riser, gli strumenti che spiccano maggiormente per qualità sonora e caratura stilistica sono: Bellissima, Precious, Sweet World, Alert au Monstre, What the f e Birth of the species. I gruppi Sets e Soundscape sono caratterizzati da ottimi strumenti praticamente nella loro totalità. In particolar modo, Syren e Vintage Planet sono dei veri e propri gioelli sonori. Sono in grado di generare tessiture molto suggestive e dalle continue evoluzioni timbriche. Per le caratteristiche estetiche e musicali, questi strumenti sono certamente utili per la creazione di Soundscapes e sfondi sonori.

Loops de la crème Pic
Loops de la crème – Multis

TRANSITIONS SETS

Qui abbiamo 4 strumenti, un Main Set e tre Mixed Set. Non giriamoci troppo attorno: questo è materiale assolutamente pregiato. Il Focus principale della libreria (le transizioni) è centrato perfettamente e in soli 4 strumenti è racchiusa una gamma sonora e timbrica estremamente ampia e dalla definizione del suono veramente eccellente. Abbiamo tutto quello che serve per creare transizioni stilisticamente valide: spazialità, espressività, dinamica e soprattutto qualità sonora di prim’ordine.
Non potevo non usare questi Instruments per comporre la Demo Audio che, come sempre, accompagna le recensioni di Age Of Audio. Provate a darci un ascolto e vedrete se non ho ragione.
Questi sono i Kontakt Instruments che compongono la libreria. Vi è poi una cartella supplementare che ospita i 1091 Samples, che a sua volta è suddivisa in: Bells, Cymbals, Rattles, Shakers Ethnic, Shakers Regular, Skins, Snares, Tambourines, Textures, Toms, Various e Winds.
Abbiamo perciò l’imbarazzo della scelta per andare a pescare One Shots percussivi e anche sperimentali dei tipi più disparati. Altra sezione valida.

USI CONSIGLIATI E DESTINAZIONI

Organic Transitions è sicuramente consigliata per la creazione di transizioni musicali. In quest’ottica i Transitions Sets sono strumenti veramente molto potenti. Che si tratti di dover lavorare su film, videogiochi o postproduzione audio, la libreria offre davvero molte soluzioni e possibilità di utilizzo.
Tuttavia, il titolo si presta anche ad essere efficacemente utilizzato anche per altre destinazioni. I Dynamic Instruments potranno tornare utili a sound designers e Foley Artists, mentre i Multis danno del loro meglio se impiegati per scolpire soundscapes evocativi e textures suggestive.
Per l’eterogeneità, poi, i quasi 2000 WAV samples possono coprire svariati tipi di esigenze, quali parti di drumming, percussioni etniche e dettagli sonori.

Loops de la crème -Transitions Sets
Loops de la crème -Transitions Sets

CONCLUSIONI

Mettendo sulla bilancia pro e contro di Organic Transitions, il braccio penderà senz’altro dalla parte del piatto con i Pro: la libreria soddisfa più che discretamente le aspettative e concede anche qualche gradito extra.
Un acquisto consigliato.

PRO
– Eccellente comparto strumenti Transitions Sets
– Interessanti tecniche di ripresa e ampia possibilità di scelta dei posizionamenti microfonici
– Versatilità d’impiego

CONTRO
– Prezzo forse un po’ eccessivo, per il resto nulla da segnalare.

Pietro Fraccavento

INFORMAZIONI UTILI

Produttore: Loops De La Crème
Distributore: On line
Modello: Organic Transitions
Prezzo:Euro 59+IVA



About Pietro Fraccavento

Guarda anche

Novità in casa Steinberg : CUBASE PRO 9!

Oggi è il gran giorno! Steinberg lancia CUBASE PRO 9, annunciandola a tamburo battente come …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*