Chiptunes making

Il mondo è bello perché è vario. Varietà, però, non significa per forza nero e bianco. In un mondo di fanatismi vari, la cosa più intelligente (ed affascinante) è comprendere tutte le gradazioni di colore esistenti tra questi due estremi. E’ lì la vera crescita, la scoperta del bello e del nuovo. In campo musicale spesso si contrappongono gli strumentisti “puri” e gli elettronico-dipendenti, due partiti che vanno per la propria strada senza dialogo, in preda ad orgogli e pregiudizi. E se le varie eccellenze, piuttosto, si unissero?  Risvegliandoci dalle elucubrazioni mentali, desideriamo riproporre un tema già affrontato in un nostro precedente articolo, nel quale abbiamo narrato l’insolito incontro tra un sistema modulare e l’amico Luca Capozzi, vale a dire l’avvicinamento dei due mondi visti sopra. All’epoca già parlammo di autocostruzione di sintetizzatori e, da lì, abbiamo divagato spingendoci verso una nuova avanguardia che unisce la sperimentazione elettronica e quella musicale.

Signore e signori, avete già capito che torniamo sul tema della “micromusica”…

LSDJ (http://www.littlesounddj.com/lsd/)

Trasformare il GameBoy in una workstation musicale: chi se lo sarebbe mai aspettato che quel giocattolino potesse divenire un’arma micidiale? Con questa ROM, installabile su una cartuccia vuota tramite apposito dispositivo, il vostro GameBoy sarà dotato di un intero sistema di produzione musicale che comprende un sequencer, una serie di campioni da varie drum machines (tra cui la serie TR Roland e LinnDrum) ed un sintetizzatore con arpeggiatore incluso.

Nanoloop (http://www.nanoloop.com)

Sviluppato alla fine degli anni ’90 all’Accademia di Belle Arti di Amburgo e caratterizzato da un design minimalista, Nanoloop è uno dei capisaldi della chiptune su GameBoy. Disponibile su cartucce appositamente realizzate, la versione 1.5 è considerata la più “pura” (dal punto di vista del sound 8-bit). La versione 2.3, per GameBoy Advance, contiene anche un sintetizzatore software. Di recente realizzazione, invece, la versione per iPhone ed Android che contiene l’equivalente della versione 2.3 più un semplice campionatore.

Mssiah (http://www.8bitventures.com/mssiah/)

La casa “8bit Ventures” è conosciuta ai micromusicisti per aver creato Prophet64, ovvero un sintetizzatore software per Commodore 64. Successivamente, questo software è stato sostituito da Mssiah, una suite di applicazioni musicali inglobate in una cartuccia con tanto di ingresso MIDI per poter essere pilotato anche da DAW esterne. La suite presenta un sequencer, un sintetizzatore monofonico, un bassline synth stile 303, una drum machine ispirata alla TR-909 ed un sample player per campioni 6KHz/4bit.

Chiptrackers (http://woolyss.com/chipmusic-chiptrackers.php) + (http://woolyss.com/tracking-trackers.php)

Lo strumento più importante per il micromusicista è il tracker, un “primordiale” sequencer digitale che già in ere precedenti permetteva di inviare comandi e note ai singoli canali dei chip presenti sulle console e sui primi personal computer. Il sito che vi linkiamo è una vera miniera d’oro per quanto riguarda questi strumenti. Potrete trovare molti programmi nativi ed altri che emulano i suoni dei gloriosi processori del passato.

Share

About Luca Capozzi

Speak Your Mind

Tell us what you're thinking...
and oh, if you want a pic to show with your comment, go get a gravatar!

*