Home / Chitarre / Maton EBG808 Artist – Una moderna alternativa ad un grande classico
Maton EBG808 artist

Maton EBG808 Artist – Una moderna alternativa ad un grande classico

In Australia non ci sono solo canguri che saltano, ma anche le chitarre di casa Maton, che saltando di palco in palco, sono diventate ormai uno standard alla stregua dei grandi marchi del passato.

Arrivata in Italia verso la fine degli anni novanta circa e soprattutto imbracciata da uno dei più grandi chitarristi acustici in circolazione, Maton mette sul mercato il modello EBG808 “Artist”, che è molto simile alla Tommy Emmanuel signature ma si differisce per la scelta dei legni e le rifiniture.
La forma del body è denominata dalla casa produttrice “orchestra” e si rifà ai modelli “000”, o “Gran Concert” quindi di dimensione più piccola rispetto alle acustiche dreadnought ma ad un primo accenno sonoro mi rendo subito conto che “nella botte piccola c’è il vino buono”.

Considerazione tecniche.

La chitarra si presenta con un top in abete sitka, fasce e fondo sono in blackwood, tipico legno australiano, il manico è in acero, tastiera e ponte in palissandro, traversina e capotasto invece sono in osso. Le meccaniche sono Grover Rotomatic dorate e il binding si presenta a spina di pesce sul top. Lo stile della rosetta si presenta anch’esso a spina di pesce, i segnatasti sono di forma romboidale in madreperla. La finitura satinata rende molto intimo e naturale il contatto con lo strumento. La scala, cioè la distanza dal ponticello al capotasto, è standard 650mm, il nut, la larghezza del manico, è di 44,1mm. L’incatenatura dello strumento è una classica X bracing scalloped.
Ingegnoso il sistema per regolare il truss-rod con l’utilizzo di questa grossa chiave dedicata che si inserisce sotto l’attaccacinghia che permette di raggiungere il punto di intervento, mantenendo inalterata la tensione sul manico.

Considerazioni sonore

Viste le dimensioni ci si aspetterebbe un suono non troppo potente, povero di basse frequenze ed invece no.
La resa sonora è molto equilibrata, con la giusta dose di bassi, perfetta per il fingerpicking e presente quanto basta per lo strumming.
La forza di casa Maton, però, è l’applicazione live, grazie al suo sistema di amplificazione AP5 Pro che la rende a dir poco perfetta.
Si tratta di un sistema che presenta un piezoelettrico ed un microfono cardioide con controlli di input separati che consentono la miscelazione di entrambi prima di inviare i segnali combinati attraverso un master volume. Il microfono è montato direttamente sul preamplificatore tramite un braccio regolabile.
Oltre ai due controlli di volume separati e il master abbiamo bass, treble, mid e due piccoli potenziometri FQ (mid sweep) con una banda di frequenza da 600hz a 2,4khz. Il tutto viene alimentato con due batterie AA.

L’AP5-Pro è stato progettato pensando ad una facile manutenzione. Tutti i connettori sono placcati oro RJ11 (tipo telefonico), dal pick-up fino alla presa di uscita. Se sono necessari pezzi di ricambio, possono essere facilmente montati senza bisogno di attrezzi speciali ed è tutto cablato in modo che non possano staccarsi con il tempo e le vibrazioni.

AP5 Pro Maton – Pick Up
 
Considerazioni sul campo

Comodissima da suonare, di serie monta corde con scalatura 1253 ma non ho avuto difficoltà di nessun genere con bending, legati ecc..
In studio di registrazione grazie alla giusta dose di frequenze basse non è diventata l’incubo dei fonici.
Nel live inserisco il mio jack Linfaudio e alzo il volume, ho regolato qualche volta il preamplificatore più per curiosità che per necessità.
La chitarra mantiene discretamente l’accordatura anche dopo essere stata “strapazzata” e maltrattata per bene.
Esteticamente fa il suo bel figurone, certo ci sono gusti e gusti ma la EBG808 “Artist” si presenta veramente bene, la trovo elegante ed aggressiva.
Viene venduta corredata da custodia rigida. Il prezzo non è di certo tra i più amichevoli per il portafoglio.

Conclusioni

Ne ho provate tante, tutte belle e vorrei averle tutte, ma costano. Quindi la scelta deve essere mirata. Una chitarra acustica che mi permette di suonare live e in studio senza nessun tipo di problema. Ci sono tanti altri marchi famosi ma a parità di prezzo non mi hanno dato la stessa sicurezza avuta con la EBG808 “artist”.
Ho avuto e provato sulla stessa fascia di prezzo anche delle Taylor, suoni stupendi ma secondo il mio orecchio musicale, amplificate non hanno reso come la Maton.
Credo che il prezzo di questi strumenti sia eccessivo e sicuramente provando e riprovando, poichè le chitarre vanno sempre provate, si puo’ trovare un buon compromesso anche con marchi meno costosi ma per come va il mercato al prezzo della EBG808 artist attualmente non ho trovato strumenti della stessa qualità.

Pro:

*Versatilità
*Suono
*Praticità

Contro:

*n.d.d.

Notizie utili

Modello: EBG808 “artist”
Prezzo di vendita consigliato: euro 2.390,00
Sito ufficiale: http://maton.com.au

Vincenzo Palumbo

Demo audio Vincenzo Palumbo.

Le demo audio sono realizzate semplicemente registrando in direct line la chitarra Maton, con la scheda audio Digidesign 003 e come software è stato utilizzato Pro Tools.
Non sono stati utilizzati effetti, compressioni o EQ.

 Fingerstyle

 Pop

 Strumming

About Vincenzo Palumbo

Chitarrista, arrangiatore e didatta, Vincenzo Palumbo suona la chitarra da sempre. Dal 2006 lavora come chitarrista in qualità di “session man” nell’ambito discografico e live prediligendo il genere rock-blues e pop-rock. Le sue influenze sono da sempre Jimi Hendrix, Steve Ray Voughan, Steve Vai, Joe Satriani, Mike Landau, Steve Lukather e tanti altri dello stesso filone artistico. Nel 2008 si diploma in chitarra classica presso il conservatorio di Avellino “D. Cimarosa” Vincenzo ha collaborato con un cospicuo numero di artisti tra cui: Francesca Alotta, Ivan Cattaneo, Almamegretta, Wilma Goich, Walter Nudo, Paolo Mengoli, Tony Colombo, Luna di Domenico, Marco Fasano, Enzo Gragnaniello, e tanti altri. In orchestra per spettacoli come il Festival di Napoli, Singer Inside ed altre trasmissioni televisive regionali. Impegnato nel sociale in qualità di insegnante presso il “SERT” (servizio tossicodipendenze) e la “Scuola del Sorriso” (centro per disabili). Insegna chitarra come supplente nelle scuole pubbliche ad indirizzo musicale e presso scuole private del territorio partenopeo. Attualmente è impegnato in teatro con lo spettacolo del comico di zelig Peppe Iodice e con il suo Trio rock-blues sul territorio nazionale ed internazionale. Nel suo canale youtube è possibile trovare alcuni video didattici.

Guarda anche

Zoom G3 – Il mondo in una scatola.

Ormai gli amp simulator racchiusi in uno stomp box sono tra noi e con il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*