Home / Eventi / Masterclass con Luca Colombo presso l’Associazione Fine Studios
Masterclass con Luca Colombo presso Fine Studios

Masterclass con Luca Colombo presso l’Associazione Fine Studios

Amici chitarristi abbiamo seguito per voi la Masterclass di Luca Colombo organizzata dalla Fine Studios Association a Montesarchio.

Luca si è presentato al pubblico accorso alla Master con la sua PRS Custom 22, mini pedalboard con suoni essenziali e due Vox AC30 gentilmente forniti da Sannio Music Store.
La Master ha avuto inizio con due brani accompagnati dalla sua “band virtuale” (basi registrate dalla “Luca Colombo Band” – Lele Melotti alla batteria, Paolo Costa al basso, Giovanni Boscariol alle tastiere) esprimendo fin da subito quello che poi sarebbe stato spiegato fin nei particolari durante la master. Suoni perfetti, una dinamica curatissima, sicurezza di esecuzione ed espressività sono il risultato di una preparazione solida ed un’esperienza trentennale. Dopo aver suonato, Luca ha avuto modo di chiarire come, secondo la sua esperienza, si arriva ad essere musicisti professionisti di alto profilo e, cosa molto interessante, ne ha definito gli ambiti lavorativi che qualsiasi altro musicista dovrebbe sviluppare a seconda delle proprie inclinazioni e passioni.

Setup – Luca Colombo
 
Dallo studio di registrazione al live, dalla televisione alla didattica, dall’arrangiamento alla scrittura, molto onestamente ha chiarito che, per poter lavorare in musica ai giorni nostri, bisogna saper sviluppare ognuno di questi ambiti, avendone non solo le competenze, ma conoscere le modalità per poterli affrontare.
Tecnica, studio dell’armonia, improvvisazione, ear training, strumentazione e conoscenza approfondita dei suoni della chitarra, spirito imprenditoriale sono tutte caratteristiche che un buon chitarrista moderno deve avere per poter lavorare in musica. Durante il percorso, ha mostrato alcuni degli esercizi di riscaldamento presenti nel suo metodo “Vita da chitarristi”, manuale costituito da tre volumi che guidano lo studente a sviluppare molte delle caratteristiche indicate sopra.
Spiega come rafforzare i bending attraverso un esercizio semplice ma efficace su una scala maggiore, le modalità di studio di uno sweep picking solido e stabile, e come gestire la fase di studio con suono clean e con il suono distorto.

Gli interventi parlati sono stati seguiti da diversi brani tratti dal suo disco quali Sunderland, Rock’n boll, Sottovento, Deja Vù, etc., da cui sono scaturiti altri spunti di discussione e argomentazioni varie che, alla fin fine, hanno reso fluida l’intera Masterclass. Non sono mancate annotazioni molto interessanti riguardanti lo studio della plettrata e la ricerca di un buon suono sulla chitarra in tutte le sue posizioni: brillante, a mio parere, è stata la spiegazione sull’utilizzo dei diversi suoni ottenibili. Non da meno, inoltre, l’attenzione rivolta all’uso dei pochi pedali, essenziali, a corredo delle sue spiegazioni, sfruttati al massimo delle capacità, compreso l’utilizzo dinamico dei controlli sulla chitarra, la scelta di amplificatori, pedali e chitarre a seconda dell’esigenza lavorativa. Luca ha portato con sé in Pedalboard un Vermuram Jan Ray, (splendido overdrive che usa per un drive leggero che da voce e colore al suo sound. ndr); l’SL Drive della Xotic per un drive in stile Marshall utilizzato per suoni più pesanti; poi, uso combinato dei due, per suoni lead con carattere deciso.

Pedalboard Luca Colombo
 
Davvero interessante l’utilizzo dello Zoom MS-70CDR per creare ambienti ed effetti “vibe” in alcuni brani.
Inoltre, ha impiegato due pedali della TcElectronic: il Ditto Looper che ha utilizzato sia per creare dei pad in combinazione con lo Zoom MS70-CDR, che come looper per registrare delle basi suonate al volo utilizzate per spiegare l’utilizzo di scale e improvvisazione. Il secondo pedale è stato uno Spark mini booster che gli forniva il boost necessario per le parti lead. A completare il setup un pedale volume Boss FV500H collegato fra overdrive e lo Zoom.
Un’attenzione particolare l’ha rivolta alla qualità dei cavi: argomento poco caro ai chitarristi ma fondamentale per lasciar passare un buon segnale dalla chitarra fino all’amplificatore.

Curiosità: Luca utilizza ed è endorser dei plettri Essetipicks, azienda che realizza plettri in legno ed altri materiali molto interessanti che generano dei suoni molto belli sulla chitarra ed hanno una forma molto particolare. Consiglio vivamente di dargli un’occhiata.
Disponibile a rispondere alle domande del pubblico presente e competente, ed onesto nelle risposte, Luca Colombo si è dimostrato un grande professionista, che non si è risparmiato nemmeno su aneddoti personali che hanno aiutato a capire meglio il suo percorso e divertito il pubblico.
Last but not least, da rilevare l’ottima organizzazione della Fine Studios Association, ragazzi gentili e appassionati che hanno accolto con calore il pubblico della master e presto organizzeranno altri eventi.

Stefano Torino

About Stefano Torino

Guarda anche

Masterclass di chitarra con Luca Colombo

Amici chitarristi, il 28 aprile a Montesarchio (BN) si terrà una masterclass con Luca Colombo. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*