Soundblox 2 – Dimension Reverb

Oggi, in prova per Age Of Audio, parliamo del Soundblox 2 Dimension Reverb, effetto della Source Audio. Paragonato alle classiche unità rack, Soundblox 2 Dimension Reverb è un pedale di dimensioni, peso e costi sicuramente inferiori. Ciò nonostante mette a disposizione dell’utente un copiosa quantità di modulazioni sonore e prestazioni.Un’analisi dettagliata del prodotto può aiutarci a comprendere se il suo costo e le sue dimensioni contenute vanno a discapito della qualità dell’effetto.

Il pedale

Il pedale si presenta molto bene, con un design moderno e un robusto case in alluminio, resistente e leggero. La visibilità dei settaggi è assicurata dai led che segnalano al musicista i parametri attualmente impostati. La quantità di suoni a disposizione è davvero impressionante, ben 12 suoni sono a disposizione dell’utente, e tutti con un carattere ben riconoscibile, presentando inoltre una qualità e quantità di operazioni possibili sui singoli suoni che di solito si ritrova soltanto su sistemi a rack professionali. Cuore pulsante del pedale è l’SA601, il processore di segnale digitale (DSP) che esegue in maniera incredibilmente efficiente ed accurata tutte le operazioni di elaborazione (processing) del segnale digitale dell’effetto, che lavora a 56-bit, e i performanti convertitori A/D (analogico/digitale) a 24-bit. Il pedale è alimentato a 9 volt DC, con alimentatore fornito di serie insieme al pedale, ed adotta un sistema di true-bypass composto da uno switch on/off con Relay, per assicurare un segnale perfettamente integro anche ad effetto disinserito. Il doppio switch, inoltre, permette di configurare due diverse tipologie di riverbero richiamabili indipendentemente. In ultimo l’input “Multi-Function” permette di controllare l’effetto via MIDI, tramite pedale d’espressione o con il controllo proprietario Hot Hand.

I controlli

I controlli del Sundblox 2 Dimension Reverb sono i seguenti:

Effect knob: ruotandolo è possibile selezionare il tipo di riverbero che si intende utilizzare.
Time: serve a regolare la durata del reverbero.
Option: regola i parametri selezionati attraverso il pulsante OPTION SELECT.
Treble: è un controllo delle alte frequenze del riverbero generato.
Mix: bilancia il segnale pulito (dry) con il segnale effettato (wet).
Option Select: seleziona il parametro ( pre- delay, diffuse, bass) che verrà controllato dal potenziometro Option.
Control Input: seleziona il tipo di controllo esterno che verrà utilizzato, qualora ve ne fosse uno collegato (es: Hot Hand).
Footswitch 1 e 2: attivano e disattivano i preset selezionati, tenendoli premuti salvano il preset in uso.

Gli ingressi

Il Dimension Reverb presenta i seguenti ingressi:

Guitar in: è l’ingresso per la connessione del nostro strumento tramite un normale cavo mono.
Guitar out: è l’uscita del segnale, da collegare ad un altro pedale o all’amplificatore.
Multifunction in: è l’ingresso pensato per l’utilizzo di un’interfaccia esterna, come un pedale d’espressione, un controller MIDI o un controller Hot Hand.
Multifunction out: è l’uscita per connettere il pedale ad un altro ingresso multifunzione di un successivo pedale della serie Soundblox.
9V DC: è l’ingresso per l’alimentazione, con connettore tipo BOSS.

I suoni

I primi cinque effetti selezionabili ( room, club, stage, arena, e-dome) sono stati modellati per ricreare dei reali spazi entro i quali il suono si riflette, dai più piccoli, come una stanza o un piccolo locale, fino ai grandi stadi ed arene. I due effetti successivi sono invece riproduzioni di plate reverb, ovvero riverberi nei quali l’effetto è generato da una generosa lamina d’acciaio sospesa all’interno di una struttura di sostegno. Questa lamina vibra grazie ad un sistema simile a quello utilizzato nei coni degli amplificatori. Sulla lamina vi sono dei trasduttori che convertono le vibrazioni in segnali elettrici. Source Audio consiglia di giocare con il parametro DIFFUSE (da selezionare tra i parametri di OPTION SELECT) ruotando il potenziometro OPTION per ottenere al meglio i suoni di largo respiro tipici dei riverberi a placca.
Andando ancora avanti tra le diverse tipologie di riverberi selezionabili troviamo due simulazioni di riverberi a molla, rinvenibili ancora adesso in molti amplificatori valvolari e nati più di mezzo secolo fa sotto forma di “reverb tank”, davvero piacevoli all’ascolto. Incredibile come il tintinnio metallico della molla che vibra sia stato perfettamente riprodotto nelle simulazioni. Un capitolo a parte merita il Modverb, dove la possibilità di regolare l’LFO permette di ottenere modulazioni sul riverbero davvero singolari, decisamente psichedeliche! Davvero originale anche il Metal Box, che simula la modulazione ottenibile all’interno di uno spazio molto ristretto, come un container di metallo (!!), con un tempo di riverbero piuttosto breve e carico di alterazioni.
La funzione Echo si allontana dalla semplice funzione di riverbero per divenire delay. Ricordiamo che sia il riverbero che l’eco ed il delay hanno lo stesso funzionamento, quello che cambia sostanzialmente è il tempo delle ripetizioni (ritardo). L’ eco integrato in questo effetto permette un ritardo che va da 0 fino a 2,5 secondi, ed è regolabile attraverso il potenziometro OPTION selezionando PRE-DELAY tra i parametri di OPTION SELECT. Il potenziometro Time assegna invece il numero di ripetizioni desiderate. Anche qui è interessante giocare con l’opzione DIFFUSE per creare molte ed interessanti modulazioni.

Come suona

Il setup utilizzato in questi giorni per la prova del Dimension Reverb è quello che utilizzo più spesso, e che, conoscendo a menadito, mi permette di avere un’idea precisa dell’effettistica provata al momento di riversare le mie impressioni “nero su bianco”. Il setup è così composto: Stratocaster S-S-S con tastiera in palissandro, amplificatore Laney VC15 Limited e cavi Reference. Sulla Strato c’è poco da dire, è un classico e per questo ritengo che vada molto bene per i test, in quanto è un suono che – bene o male – tutti abbiamo nella mente. L’ampli invece è un onesto e versatile combo Laney, con due EL 84 nel finale e 3 12AX7 nel PRE e cono Jensen, dal suono decisamente Brit-oriented, utilizzato durante tutte le prove con l’equalizzazione rigorosamente in flat e riverbero integrato (un Accoutronics) a zero. Il pedale lavora bene sia collegandolo direttamente all’ampli che sfruttando il loop effetti, anche se per i reverberi e gli altri effetti d’ambiente è decisamente consigliabile un loro ingresso dal send/return piuttosto che diretto dall’input. In ultimo, vorrei ricordare una buona regola generale: gli effetti d’ambiente vanno sempre posizionati, all’interno di una pedaliera, a fine catena, quindi sempre dopo overdrive, distorsori, fuzz, booster et similia, anche se – va detto – in questo campo non esiste una regola inviolabile, e si possono sfornare suoni interessanti anche stravolgendo l’ordine “generalmente riconosciuto” dei pedali. Un esempio classico: provate a posizionare un booster prima e dopo un pedale di overdrive: se posizionato dopo aumenterà il volume, se posizionato prima andrà ad ingrossare suono ed aumentare il gain dell’overdrive, in quanto il booster in questo caso aumenterà il segnale in ingresso e non in uscita.

Ma passiamo alla prova del suono vera e propria, effettuata presso lo studio di registrazione Trail Music Lab di Napoli, per metterne a nudo pregi e difetti, contando su di una strumentazione professionale che ha permesso di svelare fino in fondo le potenzialità dell’effetto.Definirei questo pedale con una sola parola: Psichedelico. Le modulazioni sono semplicemente incredibili, sia per varietà che per possibilità di azione sui singoli suoni, e se non ci si stupisce del fatto che i riverberi più tradizionali siano sfruttabili anche con impostazioni “estreme” (penso alle simulazioni di ambienti chiusi e ai riverberi plate e a molla), sorprendono invece le simulazioni più estreme, come l’incredibile Modverb, che crea spazi extraterrestri entro i quali il suono si rifrange all’infinito, e l’altrettanto straordinario Metal Box, che ricrea i tessuti sonori caleidoscopici tipici di un Chorus, se si impara a giocare con i controlli Diffuse e Rate. Davvero sfruttabile la modalità Echo, che spesso quando integrata su effetti di riverbero non soddisfa appieno. Qui, invece, sia il tempo del ritardo (fino a 2,5 sec.) che le possibilità di agire sul suono (tramite la regolazione delle opzioni RATE e DIFFUSE) e sul tono (modificando i bassi e gli alti tramite la regolazione di TREBLE e BASS dal pannello OPTION) rendono questo eco davvero credibile e versatile, potendolo utilizzare tanto per ottenere effetti appena accennati che per colorare in maniera incisiva il suono.
I riverberi “storici”, ovvero la sezione dedicata ai riverberi a placca ed a molla, è forse la meno “realistica”, anche se assolutamente ben suonante, ed il motivo è semplice: quello che manca in queste simulazioni, per quanto ben fatte, è sempre la mancanza di quell’attacco metallico generato dalla lamina o dalla molla sollecitate, e che, ad oggi, non ho ritrovato su nessun pedale di emulazione. Piccola nota a parte, anche questi suoni risultano molto piacevoli, ed è facilmente possibile ottenere riverberi “corti” tipo “slapback” per sonorità spiccatamente vintage.
E, ancora, che dire del Modverb? Un riverbero con la possibilità di regolare l’ LFO è davvero cosa nuova ed interessante, e le modulazioni che è possibile ottenere possono essere tanto cristalline ed avvolgenti quanto tetre ed inquietanti, e tutto questo ruotando semplicemente un potenziometro .Fantastico!
In definitiva un pedale consigliato a tutti coloro che amano dare corpo e profondità al proprio suono con effetti d’ambiente di qualità, che resteranno senz’altro piacevolmente sorpresi dalla enorme versatilità di questo pedale, capace di spaziare con disinvoltura dal Progressive al Pop, mantenendo in ogni circostanza una qualità del suono elevatissima.

In definitiva un riverbero molto versatile e poliedrico, perfetto per coloro che concepiscono il riverbero come una parte integrante del proprio “gear” e amano sperimentare sulle diverse modulazioni per scolpire il proprio suono senza rinunciare ad un proprio tocco personale.

Pierluigi Maisto.

NOTIZIE UTILI:
Produttore: Source Audio
Modello: Soundblox 2 Dimension Reverb
Website: www.sourceaudio.net
Distributore italiano:http://referencelaboratory.com
Prezzo: € 199 Iva compresa

Share

About Pierluigi Maisto

Speak Your Mind

Tell us what you're thinking...
and oh, if you want a pic to show with your comment, go get a gravatar!

*